Uso del PC della Biblioteca comunale di Avetrana

Sarah Scazzi e l’uso del PC dalla biblioteca comunale: gli accertamenti dei Carabinieri e della Polizia Postale

L’attenzione mediatica sulla scomparsa della ragazza quindicenne di Avetrana sembra che purtroppo stia calando dalle testate nazionali e ciò potrebbe essere di pregiudizio per il ritrovamento.

Mi permetto, perciò, di dare il mio piccolo contributo su questo blog.

Tra le tecniche investigative utilizzate in questo caso, la computer forensics gioca un ruolo fondamentale.

Gli investigatori sarebbero riusciti a risalire, infatti, al PC utilizzato da Sarah Scazzi per il collegamento ad Internet: quello in uso presso la biblioteca comunale, in cui vi sarebbero tre postazioni. Accanto all’attività su Facebook posta in essere dall’amica Francesca, dunque, anche Sarah sembra abbia giocato un ruolo attivo nella gestione dei profili.

Si legge da fonti giornalistiche (il nuovo Quotidiano di Puglia) che:

1) il direttore della biblioteca comunale avrebbe dichiarato agli investigatori che

Sarah frequentava la biblioteca per leggere sì, ma soprattutto per collegarsi al portale gratuito messo a disposizione dall’amministrazione comunale. Abbastanza spesso, a tal punto che Sarah – tra i tre computer disponibili nella sala – sedeva sempre nella stessa postazione.

2) sarebbe stata acquisita (copia della) “la memoria” del pc abitualmente utilizzato da Sarah Scazzi nella biblioteca comunale. Dall’articolo citato si legge, infati:

Lei il pc lo usava certamente nella biblioteca: poteva chattare e stabilire contatti con persone diverse. Anzi gli investigatori avrebbero già rintracciato alcuni messaggi scritti da lei e “sospette”. Per questo motivo, a caccia di tracce utili a stabilire le sue amicizie virtuali, i carabinieri hanno acquisito anche la memoria dell’internet point della biblioteca dal quale la ragazza si collegava.

3) sarebbe stata richiesta l’acquisizione delle informazioni relativi degli accessi (log-file), anche direttamente alla società che gestisce il noto social network Facebook:

Le indagini sulla pista di una conoscenza pericolosa maturata in internet, dunque, proseguono. Carabinieri e Polizia Postale hanno chiesto di poter acquisire tutta la documentazione degli accessi di Sarah, con un’istanza internazionale diretta agli uffici di Facebook.

4) l’attenzione degli investigatori sarebbe stata concentrata in particolare su un “contatto” considerato sospetto, oggetto di una seconda e più specifica richiesta al gestore del social network:

E in una seconda richiesta (…) si chiedeva di ottenere specifiche informazioni su un contatto considerato “sospetto” dagli investigatori, abbattendo così i muri della privacy.

5) emergono altri profili su Facebook:

si è scoperto anche che ai tre siti a nome di Sarah Scazzi se ne aggiungono altri due, con falsi nomi.

6) è emerso il probabile uso, da parte di Sarah Scazzi, di un altro PC, quello di un’altra cugina di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi:

C’è anche un’altra traccia non trascurabile. Sembra infatti che Sarah non si connettesse soltanto dalla biblioteca civica ma anche attraverso il computer di proprietà della cugina, sua coetanea, di San Pancrazio Salentino. Le due ragazze erano state insieme proprio i giorni precedenti la scomparsa. Sarah era tornata mercoledì mattina dopo due giorni trascorsi nel comune brindisino, con il papà Giacomo e la cugina. Possibile che sia maturato in quelle due giornate un pericoloso contatto o che Sarah possa aver fornito qualche particolare sulla sua vita, sulla via in cui abitava ad Avetrana? Lo diranno gli accertamenti.

7) l’ultima segnalazione con attinenza alle tracce informatiche riguarda il video di YouTube in cui compare la foto di Sarah Scazzi con la scritta “Devil95″. Ma qui l’articolo di giornale riprende quanto avevo già commentato in altri due post (cfr. questo post e quest’altro post):

Poi sulla piattaforma “You tube”, in un video dedicato a Sarah, compare una sua foto e le scritte con il soprannome che si era data: “Devil95”. Le scritte sono su un muro di un grezzo, uno dei tanti di Avetrana. Dove si trova quella casa in costruzione? Perché e con chi Sarah la frequentava?

Attendiamo gli esiti.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books