Sicurezza urbana

Videosorveglianza e sicurezza urbana: le nuove linee guida dell’ANCI per i Comuni

Vi segnalo che, a seguito del nuovo provvedimento generale in tema di videosorveglianza per i Comuni, emanato dal Garante per la protezione dei dati personali nell’aprile del 2010, l’ANCI ha emanato le relative Linee Guida, illustrate nell’Assemblea Nazionale dell’11 novembre 2010.

Così recita il Comunicato del Garante:

Videosorveglianza: pronte le regole per i Comuni

Nell’ambito della XXVII Assemblea annuale dell’Anci, in programma a Padova dal 10 al 13 novembre presso il quartiere fieristico, Francesco Pizzetti, Presidente dell’Autorità Garante per la privacy, e Sergio Chiamparino, Sindaco di Torino e presidente dell’Anci, presenteranno

Le linee Guida per i Comuni in materia di videosorveglianza

11 novembre, ore 14,30

Le linee guida – messe a punto dall’Anci a seguito del nuovo provvedimento generale in materia di videosorveglianza adottato dal Garante privacy nell’aprile scorso – forniscono indicazioni sulle specifiche regole che le amministrazioni comunali devono rispettare per l’installazione e la corretta gestione di telecamere e sistemi di controllo video anche a fini di sicurezza urbana.

Roma, 9 novembre 2010

Nell’attesa di vederle pubblicate, ricordo la Circolare 8 agosto 2010 del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno e la Direttiva 8 febbraio 2005, resa dal medesimo Dipartimento.

Come riassunto dall’ANCI,

Il giorno 8 agosto 2010, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno ha inviato una circolare avente come oggetto i “Sistemi di Videosorveglianza”, nella quale si sottolineano alcuni aspetti relativi al Provvedimento generale sulle nuove regole in materia di videosorveglianza, che il Garante per la protezione dei dati personali ha emanato in data 8 aprile 2010. Con quest’ultimo vengono aggiornate le disposizioni alle “intervenute produzioni normative che hanno attribuito ai sindaci e ai comuni specifiche competenze in materia di sicurezza urbana ed altre norme”.

La precedente direttiva dell’ 8 febbraio 2005 rimane comunque riferimento essenziale nelle parti che conservano la loro attualità in materia.

Nel nuovo provvedimento l’Autorità Garante per la Protezione dei dati personali dedica un apposito capitolo alla “sicurezza urbana”, a partire dall’introduzione in via normativa del concetto di “sicurezza urbana”.

Risultano di fondamentale interesse per i Comuni gli aspetti legati alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, oltre a quelli di sicurezza urbana, sui quali sarà necessaria una specifica “valutazione congiunta”, in accordo con ANCI, in “sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica” . In tal senso l’ANCI e l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali stanno lavorando a delle apposite linee guida di imminente emanazione.

Ebbene, ora le Linee Guida, come già riferito, sono state rese pubbliche l’11 novembre 2010 e, si ritiene, verranno diffuse ufficialmente in questi giorni. Le stiamo aspettando (ad oggi né il sito del Garante per la protezione dei dati personali, né quello dell’ANCI sembra le abbia riportate).

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

Videosorveglianza in strada e panoptICONS: anche gli uccelli potrebbero filmarci e non ce ne accorgiamo

La videosorveglianza ha raggiunto, nel tessuto urbano, livelli impressionanti. Ha un’estensione capillare.

Spesso c’è, ma non siamo in grado di vederla, di identificarla. Altrettanto spesso c’è, la vediamo, ma siamo così assuefatti che non ci facciamo più caso. Ci lascia indifferenti, forse nell’illusione che ci possa regalare più sicurezza.

Sul tema della videosorveglianza ho condotto un progetto presso l’Università di Bologna, con rilevazione, mappatura ed analisi della situazione della videosorveglianza visibile nel centro della città di Bologna. Non tarderò a rendere consultabili su Internet i risultati, ottenuti anche con l’apporto collaborativo di numerosi studenti.

In linea  con lo spirito del progetto, che intende interrogarsi sul bilanciamento tra sicurezza urbana e tutela della privacy, segnalo il video proposto di seguito, in cui viene abilmente presentato un progetto artistico olandese, denominato “panoptICONS”,  nel quale sono state installate telecamere mobili di videosorveglianza al posto della testa di uccelli verosimili, posizionati sui cornicioni degli edifici e sui tetti dei palazzi, al fine di far riflettere sull’invasività delle telecamere e al contempo di porre in essere un’azione di sensibilizzazione contro lo stato di assuefazione che il cittadino ha di fronte al fenomeno della videosorveglianza.

Ecco il video:

Come riassume efficacemente per RepubblicaTV Pier Luigi Pisa,

A Utrecht, in Olanda, gli artisti Thomas voor ‘t Hekke e Bas van Oerle hanno installato – sui tetti e sui cornicioni dei palazzi della città – una serie di finti uccelli con telecamera al posto della testa. Alcuni di questi seguono i passanti che camminano sul vicino marciapiede. Il progetto, chiamato non a caso panoptICONS, intende sottolineare il preoccupante stato di sorveglianza in cui versano i cttadini 24 ore su 24

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

Crime mapping, sicurezza urbana e concorrenza tra imprese del settore della ristorazione. Sovrapposizione tra mappa del crimine e mappa di bar, ristoranti e locali notturni

Il Crime Mapping ha radici profonde e ora si giova di possibilità di applicazione sempre nuove.

Lo studio criminologico della mappatura del crimine o anche dei soli comportamenti antisociali, al fine di conoscere meglio il territorio ed approntare le migliori reazioni (con azioni che possono interessare gli amministratori locali, le forze dell’ordine, le Procure della Repubblica) assume un’importanza crescente.

Il crime mapping può poi essere usato anche per esigenze investigative, al fine di delineare il profilo geografico dell’indagato (cfr. anche questo post),  che con altri elementi investigativi può contribuire all’individuazione del soggetto agente (nel caso di crimini seriali) o alla predizione dei possibili obiettivi futuri, anche in funzione di tutela delle vittime.

Il crime mapping può avere numerose altre applicazioni, che ruotano attorno al concetto di sicurezza urbana e, in tale ambito, rappresenta sicuramente una delle tecnologie di maggior fascino e utilità, ove usate in maniera appropriata. 

Per fare un esempio recente, sul sito Stumble Safely abbiamo un caso di uso del crime mapping al fine di consigliare ai possibili utenti la scelta dei locali (bar, ristoranti, night clubs, etc.) tra quelli presenti in un dato contesto urbano.

Infatti, incrociando la mappa dei locali con la mappa dei crimini commessi (con data, ora, ubicazione sulla mappa e tipologia del crimine commesso) si ottiene visivamente la rappresentazione di quali locali siano da considerare, orientativamente, in zone più sicure di altre.

Il sito rappresenta tre situazioni: 1) daytime, 2) evening; 3) night.

Per ciascuno dei tre periodi dell’intera giornata il sistema consente di verificare intuitivamente il rischio di probabilità di accadimento del reato nella zona in cui si trova il locale che si intende scegliere.

Come si può ben comprendere, ciò consente di influire in due direzioni:

a) da una parte si finisce con l’orientare la scelta dei consumatori, che tenderanno a preferire i locali considerati più sicuri;

b) dall’altra parte, l’effetto di un simile sistema sulla scelta die consumatori finirà per avere effetti anche su chi gestisce e ciò almeno in due direzioni:

- potrebbe indurre a rendersi parte attiva nella sicurezza urbana, facendo in modo che la zona possa ritultare più sicura possibile (es.: ideando o partecipando a programmi di prevenzione generale;  adoperandosi attivamente, in caso di illuminazione insufficiente o danneggiata, per un potenziamento o per il ripristino della stessa; avvelendosi di un servizio di vigilanza privato; etc.)

- potrebbe scoraggiare la denuncia dei crimini commessi nel locale o nelle vicinanze, per il rischio evidente di stigmatizzazione sociale e danno all’immagine commerciale connesso alla risultanza tra collegamento della mappa del crimine con quello dei locali commerciali per la ristorazione e simili.

L’intento principale, ovviamente, è quello di offrire uno strumento di ausilio per le istituzioni e per il cittadino al fine di contrastare o quantomeno prevenire la criminalità. 

Come riporta Sara Ficocelli in un articolo scritto per la Repubblica,

(…) l’applicazione Stumble Safely consente di scandagliare e mettere insieme, via web e tramite cellulare, le informazioni raccolte dalla polizia nei vari quartieri, comunicando in tempo reale all’utente quali sono le strade da evitare e qual è il percorso più sicuro per tornare a casa, a piedi, in macchina o con i mezzi. Una delle primissime città ad essere oggetto di sperimentazione, insieme a Washington, è San Francisco e la scoperta segna un passo importante per la società americana: da tempo infatti i governi locali lottano, spiega il New York Times, per usare la rete in modo intelligente, mettendo i dati della polizia a disposizione del cittadino per aumentare la sicurezza e ridurre il livello di criminalità.

Il fenomeno è da osservare con molta attenzione, perché si svilupperà presto anche in tutta l’Europa (in Gran Bretagna, per la verità, il crime mapping è già utilizzato ampiamente in favore della cittadinanza, che può consultare on-line i dati della mappatura del crimine raccolti dalle forze di polizia).

Riporta ancora Sara Ficocelli:

Secondo il sindaco di San Francisco Gavin Newsom, “si tratta di una svolta vera e propria: questo programma cambierà per sempre il modo di interagire tra cittadini e amministrazione”. Il dipartimento di polizia della quarta città della California è stato molto coraggioso, dichiarandosi aperto all’opportunità di mettere i dati a disposizione della società e abbattendo il muro di segretezza che sempre circonda gli archivi degli addetti all’ordine pubblico.

E’ facile prevedere che anche in Italia, prima o poi, si arrivi all’uso del crime mapping in maniera sistematica e, ancora, alla divulgazione dei dati raccolti dalle forze di polizia e della magistratura al fine di creare strategie di comunicazione e di inervento per incremetare la sicurazza urbana.

Come ho già segnalato più volte, i dati del crime mapping, però, devono essere accompagnati da campagne di sensibilizzazione e di informazione-formazione  al fine di evitare effetti sociali perversi di stigmatizzazione, gettizzazione o esclusione, che una lettura superficiale delle mappe potrebbe generare.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books