Rischi dei social network

Facebook e privacy: vietato il tasto “I Like” in Germania. E in Italia?

Come si apprende da un articolo di Repubblica,

Nel Bundesland (Stato federale) dello Schlewsig-Holstein, il più settentrionale della Germania, il garante della privacy ha messo al bando l’opzione ‘mi piace’ per istituzioni e imprese.

(…) Secondo Thilo Weichert, il garante della privacy nel piccolo Stato federale con capitale Kiel, Facebook viola le leggi sulla protezione dei dati personali in Germania e nell’Unione europea, e chi utilizza la celebre funzione col pollice in alto Continua a leggere

Affitti e scambio case on-line. Il caso Airbnb

La storia narrata nell’articolo “Casa devastata. Bufera su Airbnb“, di Alessandro Longo per Repubblica, fa percepire come il settore della responsaiblità del provider si stia espandendo progressivamente, così come l’esigenza dei provider medesimi di offrire non la semplice intermediazione tecnica (l’interfaccia o la piattaforma UGC di social netowork tematica), ma anche l’attività supplementare di controllo dei contenuti o dell’affidabilità degli utenti che la piattaforma fa mettere in contatto.

E’ capitato, infatti, che un utente di un social network dedicato all’incontro tra domanda ed offerta di unità immobiliari in affitto anche per pochi giorni, andando in vacanza per una settimana, abbia deciso di affidarsi al servizio Airbnb per dare in affitto l’appartamento lasciato libero per il medesimo periodo di tempo, salvo poi a trovare, in occasione del ritorno dalle vacanze, la casa completamente devastata.

Questa la descrizione dell’accaduto, nella pagina di Alessandro Longo:

E.J., che vive a S. Francisco, aveva pensato di avere avuto un’idea geniale. Partire per un viaggio di una settimana affittando l’appartamento. E così guadagnare senza fatica. Senza nemmeno dover incontrare il proprio inquilino, con cui aveva solo scambiato qualche mail, dopo il contatto tramite il social network. Non sapeva nemmeno se fosse uomo o donna; su Internet si faceva chiamare “Dj Pattrson” (sic). Com’è andata a finire l’ha scritto lei stessa sul

blog: “hanno rubato la mia macchina fotografica, il mio iPod, un portatile e il disco rigido dove avevo memorizzato tutte le mie foto, i diari, insomma… la mia intera vita. Hanno trovato il mio certificato di nascita e la mia carta dell’assistenza sanitaria, che penso abbiano fotocopiato usando la fotocopiatrice che avevo gentilmente messo a disposizione degli ospiti in caso di necessità”. ” La cucina era un disastro: il lavandino era pieno di piatti sporchi, pentole usate e panni bruciacchiati e rovinati. C’era detersivo in polvere sparso dappertutto: sui piani della cucina, sui mobili di legno, sulla bellissima e nuova testiera del mio letto, sulla scrivania, nella stampante”.

 

Interessanti anche le successive annotazioni:

E.J. accusa Airbnb di non fare una scrematura dei possibili affittuari; di non fare controlli, di non dare garanzie. L’azienda è finita nel mirino delle critiche, sul web, anche per come ha gestito l’incidente. In prima battuta ha cercato di dissuadere E.J. dal pubblicare la storia e solo dopo che il caso è finito sui giornali americani le ha offerto un indennizzo. Ma non è finita: si stanno moltiplicando le storie simili. Troy Dayton, di Oakland, racconta di una casa vandalizzata, per migliaia di dollari di danni. L’azienda si è limitata a offrirgli , a mo’ rimborso, 21 notti gratis in una delle case disponibili sul sito. Dopo lo scandalo del caso E.J., Airbnb promette di aumentare le misure di sicurezza, ma per ora si è limitata a lanciata un supporto telefonico 24 ore su 24 e pacchetti assicurativi.

 

Il caso di Airbnb sta diventando esemplare di come i servizi low cost via internet possono essere meno sicuri di quelli tradizionali. Il web è comodo e fa risparmiare, va bene. Ma se in cambio ci sono meno controlli e garanzie, val la pena correre il rischio? Adesso se lo staranno chiedendo le migliaia di utenti di Airbnb e dei siti simili nati sull’onda del suo successo.

 

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

 

Inchiesta su minori, sesso, internet e cellulari

 

Il fenomeno è noto. La breve videoinchiesta di Antonio Crispino per il Corriere della Sera pone di nuovo l’accento sulla questione del rapporto tra minori, sesso e nuove tecnologie. Il tema merita di essere ulteriormente approfondito in maniera interdisciplinare, sia dal punto di vista giuridico (privacy, reati informatici), sia dal punto di vista socio-criminologico e vittimologico, in funzione dell’attività di prevenzione e di educazione, che al contempo deve riguardare sia l’educazione sessuale, sia l’educazione all’uso delle nuove tecnologie nel contesto della società dell’informazione. 

Identità delegata. Profili Facebook di Sarah Scazzi: l’amica Francesca rivela le modalità di gestione

Identità delegate. Questo è, a mio avviso, il fenomeno allarmante, da approfondire interdisciplinarmente quanto a caratteristiche e conseguenze, che si cela spesso dietro l’uso dei social network, soprattutto (ma non esclusivamente) nel mondo giovanile.

Il caso di Sarah Scazzi, che ha delegato la gestione della propria identità virtuale su Facebook all’amica del cuore “Francy” mi sembra emblematico.

Segnalo, a tal riguardo, l’articolo del nuovo Quotidiano di Puglia, intitolato “L’amica Francesca: Sì, gestivo tre suoi profili su Facebook“, in cui vengono rivelate le modalità operative di gestione ed utilizzo del social network per conto della ragazza di Avetrana, scomparsa da poco più di una settimana:

Era Francesca M. la ragazzina che gestiva fino a pochi giorni fa i tre profili aperti su Facebook a nome di Sara Scazzi, la quindicenne scomparsa da Avetrana il 26 agosto scorso. La conferma arriva dalla stessa Francesca, coetanea e compagna di classe di Sara nell’Istituto Alberghiero di Maruggio, in provincia di Taranto.

La ragazzina ha spiegato ai giornalisti e ai carabinieri di aver aperto i tre profili su Facebook perchè sia Sara sia lei dimenticavano ogni volta la password di accesso; quindi, due dei tre profili sono stati creati ed abbandonati l’uno dopo l’altro, il terzo è invece attivo da circa sette mesi e conta 34 amici.

Ancora, nell’articolo vengono riportare le parole rilasciate da Francesca:

«Sara  (…) mi aveva dato disposizioni di accettare tutte le richieste di amicizia e io così facevo, ma oltre ad accettare ‘amicì non ho mai chattato con nessuno per suo conto».

Ad ogni modo è chiaro che chattare è una cosa, scrivere annunci in bacheca, caricare o segnalare materiale e partecipare alle discussioni ed ai gruppi è un’altra cosa.

Tutta l’attività relazionale associata al profilo costituisce trattamento di dati personali, che contribuisce a creare un’identità del soggetto a cui l’account si riferisce.

Tale “identità” è visibile e percepibile dagli “amici” e da chiunque possa accedere in relazione alle policy di privacy scelte per la condivisione del profilo.

La circostanza merita di essere evidenziata, perché mette in luce una prassi che considero molto diffusa tra i giovani.

Non tutti hanno la possibilità di connettersi frequentemente ad Internet, per motivi diversi (ed esempio, perché non hanno una disponibilità di mezzi a casa).

Facebook, invece, è divenuto strumento di aggregazione gruppale per i giovani ed in alcuni contesti determina il processo di inclusione o esclusione dai fenomeni aggregativi giovanili.

Chi non è su Facebook finisce per essere considerato “out”, volontariamente o involontariamente, oppure viene a subire un pregiudizio nel gruppo di appartenenza o, comunque, non rimane in linea con pensieri, discussioni, temi, approfondimenti, che il gruppo di giovani in cui si è inseriti porta avanti inter absentes, in ambiente virtuale, e dunque anche oltre i tempi della relazione frontale, in cui si ha la compresenza fisica degli interlocutori.

Per rimanere agganciati alle discussioni, alle conversazioni, per continuare a “fare gruppo” reale, in molti contesti giovanili occorre essere iscritti a Facebook, avere e gestire i profili, iscriversi ai Gruppi che vengono attivati sul social network, altrimenti scattano meccanismo di pregiudizio sociale.

Chi non è su Facebook corre il rischio dell’esclusione sociale oppure, più semplicemente, di non ritrovarsi al passo con i ritmi del gruppo di amici “reali”, che fisicamente si ri-incontrano nel passaggio dall’ambiente virutale a quello reale, dopo che le loro dita hanno lasciato la tastiera ed i loro occhi il monitor, proseguendo discorsi già avviati in remoto.

Altrettanto avviene dal passaggio dall’ambiente reale a quello virtuale, quando si proseguono su Facebook ragionamenti, idee, gossip, iniziati a voce, de visu.

Così si finisce per delegare la gestione dei profili Facebook (o di altri social network) e, con esso, anche la propria identità nelle dinamiche relazionali.

Il fenomeno dell’identità delegata,però, può creare effetti collaterali e rischi imprevedibili, non solo con riguardo ad un possibile disallineamento tra identità propria e identità delegata, ma anche in relazione alle dinamiche relazionali nella gestione dei contatti e degli “amici” cittadini di Facebook.

L’individuazioni di queste prassi ed i relativi rischi è importante e si pone in linea con quanto avevo annunciato di fare nel post “Effetti collaterali del social network. La Guida del Garante per la Privacy“.

Quanto alle relazioni sentimentali di Sarah, che costituisce una delle piste su cui le investigazioni si stanno muovendo, l’articolo citato del nuovo Quotidiano di Puglia così conclude:

Francesca dice anche che «Sara, durante tutto lo scorso anno scolastico, si era mostrata molto interessata ad un ragazzo di Manduria (Taranto) che frequentava la terza classe nella nostra scuola. Ma lui era fidanzato e non ha mai prestato attenzione alla mia amica».

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

Francy -
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books