mappatura del crimine

Mappe utilizzate per la pianificazione degli illeciti seriali e digital crime mapping per l'analisi del profilo geografico del criminale

La prova del DNA assunerà un ruolo devisivo nelle investigazioni relative agli stupri seriali avvenuti nella città romana.

E’ cronaca di questi giorni che per tali stupri sia stato individuato il possibile autore. Dalle perquisizioni effettuate presso la sua abitazione sono emersi appunti e mappe relative alle aggressioni programmate ed a quelle già eseguite.

La circostanza combina con quanto avevo suggerito relativamente alle possibilità di criminal profiling tracciando, a fini investigativi, il profilo geografico sulla base degli illeciti tentati e perpetrati, utilizzando le tecniche del crime mapping (mediante le mappe digitali come Google map o, più tecnicamente, il GIS).

Infatti, come può notarsi, la mappatura del crimine programmato sembrerebbe sia stata stata effettuata dallo stesso indagato in sede di pianificazione degli illeciti.

La ricostruzione in versione digitale della mappatura dei crimini commessi nei reati seriali servirebbe, ai fini investigativi, per cercare di comprendere ed anticipare le modalità di azione dell’autore degli illeciti, individuando, unitamente ad altri elementi, i criteri di azione per ricostruire la rappresentazione geografica dell’agire criminale, nonché la possibile zona di residenza o dimora del criminale seriale e, predittivamente, le zone in cui presumibilmente verranno compiuti gli ulteriori illeciti.

Tali analisi consentirebbero nuove possibilità di azione e di studio dei fenomeni di criminalità seriale, per fronteggiare la reiterazione degli illeciti.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books