il Messaggero

Dichiarazioni di Sarah Scazzi ad “Antonio” sul profilo Facebook “Sarah Buffy”. Lui conferma

Sul Messaggero di oggi 7 settembre 2010, in versione cartacea, compare a pagina 12 un bell’articolo a firma di Raffaella Griggi, dal titolo “Sarah su Facebook: voglio scomparire”.

Dall’analisi del profilo facebook di Sarah Scazzi in cui la quindicenne scomparsa usa il nickname “Sarah Buffy”, sarebbero emersi risultati che avallerebbero l’ipotesi dell’allontanamento volontario.

Ai messaggi della ragazza su Facebook fa da eco “Antonio”, che conferma agli investigatori i contenuti delle confessioni di Sarah a lui indirizzate.

Così scrive Raffaella Griggi nel suo articolo:

“Se sparirò non ti preoccupare, ho programmato tutto. Tornerò tra venti giorni”. La risposta migliore potrebbe arrivare da Sarah stessa. In quelle righe che pochi giorni prima di scomparire nel nulla ha scritto a un amico su Internet, in uno di quei profili su Facebook, “Sarah Buffy” che gestiva lei stessa e che usava per parlare con le persone più fidate. I carabinieri infatti non escludono la pista che porta all’idea di una scomparsa organizzata. Magari poi finita nel peggiore dei modi. E si indaga proprio su quegli scambi via Internet che la ragazzina intratteneva con alcune persone e che era solita contattare frequentemente.

Ed ancora:

Sarah avrebbe confessato non più tardi di venti giorni fa i suoi malesseri ai suoi “amici” di Fb, in particolare a un trentenne della zona, Antonio, che lavora nel campo della ristorazione. E lo avrebbe informato prima del tempo su quello che poi è accaduto realmente il pomeriggio del 26 agosto, data della sua scomparsa.

(…)

L’uomo è andato di sua spontanea volontà dai Carabinieri di Manduria, una volta che la vicenda ha fatto il giro d’Italia. “Si è aperta e confidata, la sentivo come una sorellina curiosa. Mi cercava sempre, mandava messaggi”, ha raccontato sconvolto ai militari. Ha raccolto gli sfoghi della ragazzina, registrati dalle forze dell’ordine. “Piccola e incompresa”, così appariva dagli scambi on line. I due parlavano anche con la web cam: Sarah, fino a qualche giorno prima della scomparsa avrebbe prima cercato i consigli dell’uomo, esperto di cucina sulla preparazione di dolci e poi chiesto consigli professionali, in qualità di studentessa dell’alberghiero di Maruggio. Fino ad aprirsi via via sulle gelosie delle amichette e sui malesseri dell’età.

(…)

“Voglio scomparire per sentirmi viva”, ripeteva. Lamentele che lì per lì ad Antonio non significavano nulla. Fino a quando la notizia della sparizione di Sarah è diventata pubblica. “Anche se ho tante persone intorno mi sento sola, vorrei diventare famosa“, era il grido di Sarah on line.

(…)

Ora, si sta verificando se siano attendibili o se non siano invece bluff alcune frasi che la studentessa ha scritto. Tipo: “Se sparirò non ti preoccupare, ho programmato tutto”. “Pensava anche alla foto che avrebbero messo sui volantini per cercarla”, ha ripetuto sbalordito in caserma l’uomo.

Chiaramente il resoconto di “Antonio” verrà analizzato in relazione alla corrispondenza di quanto presente sul profilo Sarah Buffy, ma le verifiche dovranno anche riguardare l’accertamento in ordine all’identità del soggetto che ha scritto su Facebook le parole, apparentemente (e forse probabilmente) riconducibili a Sarah Scazzi.

Fuga organizzata o simulata?

Inoltre, anche ove si trattasse di fuga organizzata, le apprensioni per la ragazza scomparsa non si attenuano comunque, come ben rappresentato da Raffaella Griggi in chiusura del suo articolo:

Assurdo e possibile tutto. Molto di quel che accade è già avvenuto prima sul web. Le rivelazioni sono ritenute plausibili. Soprattutto, dopo i temi della ragazzina che nascondevano disagi in casa, con la madre. E soprattutto alla luce della scoperta di quel calendario trovato in camera con tutti i giorni del mese di agosto contrassegnati con un pennarello nero fino al 26 agosto. Un conto alla rovescia? Scappata, rapita, tradita? Aiutata? Forse uccisa come temono senza dirlo ad amici e parenti? Gli inquirenti vogliono vederci più chiaro.

La vicenda, comunque, conferma che le soluzioni investigative su questo caso siano destinate a transitare su Facebook.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books