Giornalismo

Sentenza sulle 10 domande di Repubblica. Il Tribunale di Roma rigetta la richiesta di risarcimento danni di Silvio Berlusconi

 Il Tribunale di Roma, Sez. I Civile,  Giudice Dott.ssa Angela Salvio, con sentenza del 5 settembre 2011, n. 17366, ha rigettato (in primo grado) la domanda di risarcimento danni per diffamazione avanzata da Silvio Berluscono contro Gruppo Editoriale l’Espresso S.p.a. ed altri in conseguenza della reiterata pubblicazione quotidiana delle famose “10 domande” di Repubblica, non solo sul quotidiano in versione cartacea, ma anche on-line sul sito www.repubblica.it.

Al rigetto della domanda ne è conseguita la condanna dell’attore al pagamento delle spese processuali.

Il testo della sentenza (interessante per il giornalismo investigativo e per il diritto dell’informazione soprattutto nella parte in cui si sofferma sui confini del diritto di critica come scriminante e sulle modalità con cui il medesimo possa essere esercitato) è stato messo a disposizione sul sito di Repubblica ed è qui prelevabile in formato PDF in versione integrale.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Il tributo di YouTube al giornalismo: Journalists Memorial

Segnalo Journalists Memorial, un’interessante iniziativa di YouTube, Google e Newseum sui giornalisti, vittime nel compimento del proprio lavoro.

Per una descizione in italiano rimando all’articolo di Francesco Tortora per il Corriere della Sera.

Privacy e dati personali contenuti nelle sentenze e negli altri provvedimenti emanati dall’autorità giudiziaria e dagli arbitri

Il Garante per la protezione dei dati personali ha reso noto, con un comunicato stampa di oggi, 3 gennaio 2011, di aver emanato un provvedimento generale, in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e datato 2 dicembre 2010,  contenente le “Linee guida in materia di trattamento di dati personali nella riproduzione di provvedimenti giurisdizionali per finalità di informazione giuridica”.

Come chiarito anche nel Comunicato stampa del Garante,

Le Linee guida, in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, non si applicano all’attività giornalistica e non incidono sulle norme processuali (non riguardano quindi gli originali delle sentenze e degli altri provvedimenti giurisdizionali, né il loro deposito nelle cancellerie giudiziarie).

Il provvedimento, per la verità, non è innovativo, nel senso che nulla aggiunge rispetto a quanto già previsto dalla vigente normativa.

Appare comunque utile, giacché ha il merito di illustrare in maniera specifica e sistematica tale particolare aspetto della normativa sulla privacy. L’interesse, più che nell’attività giornalistica, è riposto alla diffusione delle sentenze e degli altri provvedimenti rese dalle autorità chiamate ad esercitare la propria giurisdizione nei canali tipici dell’informazione giuridica (banche dati giuridiche, riviste giuridiche, etc.).

Così vengono riassunti, nel comunicato stampa del Garante, i passaggi principali del provvedimento:

Devono essere oscurati, sempre e in ogni caso, i dati dei minori e delle parti nei procedimenti che hanno ad oggetto i rapporti di famiglia e lo stato delle persone (ad es. controversie in materia di matrimonio, filiazione, adozione, abusi familiari, richieste di rettificazione di sesso), anche quando il giudizio si riferisca ad aspetti patrimoniali o economici. Devono, inoltre, essere omessi i dati relativi ad altre persone dai quali si possa desumere, anche indirettamente, l’identità dei soggetti tutelati. I dati vanno oscurati non solo nei provvedimenti riprodotti per esteso, ma anche in quelli diffusi sotto forma di massima o nell’ambito di un elenco.

Oltre a questa forma di tutela assoluta, in tutti gli altri casi chiunque sia interessato (le parti in un giudizio civile o l’imputato in un processo penale, ma anche un testimone o un consulente) può rivolgere un’istanza al giudice, prima della conclusione del processo, con la quale chiede che, in caso di riproduzione del provvedimento per finalità di informazione giuridica, siano oscurati le generalità e ogni altro elemento in grado di identificarlo.

L’istanza deve indicare i “motivi legittimi” che la giustificano: ad es. la delicatezza del caso o la particolare natura dei dati contenuti nel provvedimento (stato di salute, vita sessuale). Se l’istanza è accolta si appone una annotazione sull’originale della sentenza. L’anonimizzazione può essere disposta dal giudice, anche d’ufficio, nei casi in cui la diffusione di informazioni particolarmente delicate possa arrecare conseguenze negative alla vita di relazione o sociale dell’interessato (ad es. in ambito familiare o lavorativo).

Non spetta all’ufficio giudiziario, ma a chi riceve la copia dei provvedimenti con l’annotazione che dispone l’oscuramento delle generalità, provvedere in tal senso ove intenda riprodurli o diffonderli, anche sotto forma di massima, per finalità di informazione giuridica.

Sul sito del Garante è possibile recuperare il testo integrale delle predette Linee guida.

Mi preme sottolineare, in questa sede, una precisazione in materia di arbitrato, ivi contenuta:

5. Il lodo (art. 52, comma 6)

Il comma 6 dell’art. 52 estende le altre disposizioni dell’articolo “anche in caso di deposito del lodo ai sensi dell’art. 825 del codice di procedura civile”.

Si applica, quindi, anche a tale particolare pronuncia, come espressamente previsto dalla disposizione, la procedura di anonimizzazione dei provvedimenti, con le regole poste riguardo alla presentazione della richiesta dall’interessato (comma 1), alla decisione degli arbitri, anche d’ufficio (comma 2), all’apposizione dell’annotazione (comma 3), e al divieto di diffusione (comma 4), oltre che, ovviamente, il divieto ex lege di cui al comma 5.

Poiché il lodo può essere redatto “in uno o più originali” (art. 824 c.p.c.), l’annotazione, ove disposta, va ovviamente riportata su tutti gli originali.

Il Codice aggiunge che “in modo analogo” provvede anche il collegio arbitrale costituito preso la camera arbitrale per i lavori pubblici ai sensi dell’articolo 32 della legge 11 febbraio 1994, n. 109. Tale disposizione deve ritenersi ora applicabile all’arbitrato previsto del d. lg. 12 aprile 2006, n. 163 (“Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE”), che ha abrogato la legge n. 109/1994, e il cui art. 241, nel sostituire l’art. 32, opera espresso riferimento all’art. 825 c.p.c..

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

Tribunale di Roma: il testo integrale dell’ordinanza sul caso Ferrario-RAI (conduzione TG1)

Sul caso che ha visto la nota giornalista Tiziana Ferrario vedersi accolto il ricorso in via d’urgenza innanzi al Tribunale di Roma, sezione Lavoro, contro la RAI per la reintegrazione nelle mansioni relative alla conduzione del TG1 e di inviato speciale per grandi eventi, riporto qui il link al testo integrale dell’ordinanza.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

Sul business intorno all’omicidio di Sarah Scazzi e i rapporti tra giornalismo, programmi TV, avvocati, consulenti e parti interessate. L’intervento del Garante per la privacy, quello del consiglio dell’ordine degli avvocati e quello della procura

In un articolo di Repubblica si legge:

Da ieri sul business nato attorno all’omicidio di Sarah Scazzi ci sono soprattutto tre inchieste.

Il Garante per la privacy, Francesco Pizzetti, ha chiesto (dopo un esposto del Codacons) spiegazioni a Rai, Rti Mediaset, Sky e Telecom sulla diffusione dei verbali e dei file audio degli interrogatori dei protagonisti del giallo.

Il procuratore di Taranto, Franco Sebastio, ha invece aperto un fascicolo per fuga di notizie e ricettazione di atti giudiziari.

L’Ordine degli avvocati, infine, oggi ascolterà i tre legali coinvolti della vicenda cercando di capire se davvero siano stati violati i principi deontologici nella gestione di questo caso.

I problemi sono diversi.

Per quanto riguarda la Procura,  il problema è quello di valutare eventuali ipotesi di reato in relazione alla dovulgazione di atti di indagine e giudiziari coperti da segreto.  Si pensi all’audio degli interrogatori, messo on-line  a pochi giorni da quando era stato reso.

Altra questione attiene al diritto alla protezione dei dati personali dei soggetti coinvolti dal fenomeno mediatico, dato che non tutto ciò che è passato in onda o messo nero su bianco sembra possa rientrare nei limiti dell’interesse pubblico alla notizia, tanto per fare un esempio. L’attaccamento morboso a stati d’animo, a particolari inutili e ai colpi di scena sembra aver oltrepassato il limite dell’informazione e aver consegnato all’opinione pubblica assetata di reality show il reality show più triste e più drammatico che si potesse avere. Vedremo le deduzioni del Garante, che intanto è entrato in fase istruttoria.

Vi sono poi le posizioni dei familiari di Sarah Scazzi, dei consulenti e degli avvocati.

Con riferimento a questi ultimi, la discussione atteiene ai possibili illeciti disciplinari che riguarderebbero eventuali violazione al codice deontologico forense, il cui accertamento è di competenza dell’Ordine degli Avvocati di appartenenza.

Nell’articolo citato si trova scritto:

C’è il consulente che chiede ottomila euro per le fotografie del garage dell’orrore. L’avvocato che ne pretende qualche migliaio per essere ospite in televisione. C’è anche l’ex portavoce delle famiglie Scazzi e Misseri che racconta di cifre a quattro zeri pagate per avere interviste, diari e video in esclusiva.

(…)

E proprio da un avvocato, Daniele Galloppa, difensore di Michele Misseri, parte un’inchiesta di RepubblicaTv sul mercato nato ad Avetrana. “Sì – confessa Galoppa ripreso con un telecamera nascosta – mi sono fatto pagare per andare in televisione. Qual è il problema? Lo fanno tutti, non capisco perché non dovrei farlo anche io: alcune trasmissioni pagano, è vero, ma bisogna saperci fare”. Per lui nessun problema di deontologia professionale. “Io sono un professionista – ribatte Galloppa, che oggi dovrà rispondere all’Ordine del comportamento tenuto con la stampa, insieme con i colleghi Vito Russo ed Emilia Velletri – e quella in fin dei conti è una prestazione. Per stare in tv perdo ore di lavoro: se vengo chiamato come ospite esperto, posso essere pagato. Sono tranquillo”. Galloppa non dice quanto incassa, anche se nell’ambiente si parla di cifre intorno ai tremila euro. Certo non si può dire che non ami la televisione: l’avvocato è presenza fissa di Quarto Grado (Rete 4, è ospite il 10, il 15 e il 22 ottobre), ma ha partecipato anche a l’Arena di Domenica in, Matrix,  Mattino cinque, la Vita in diretta.

(…)

Qui mi sorge un dubbio perché si noti, per ironia della sorte, l’uso della telecamera nascosta, di per sè lecito in ambito giornalistico, avviene per acquisire gratuitamente un’intervista ad un professionista che dichiara di farsi pagare per rilasciarle.

Per capire meglio su cosa sta riflettendo l’Ordine degli Avvocati, trascrivo l’articolo 18 del Codice deontologico forense, relativo ai rapporti con la stampa e gli altri mezzi di diffusione:

ART. 18. – Rapporti con la stampa.

Nei rapporti con la stampa e con gli altri mezzi di diffusione l’avvocato deve ispirarsi a criteri di equilibrio e misura nel rilasciare interviste, per il rispetto dei doveri di discrezione e riservatezza.

I. Il difensore, con il consenso del proprio assistito e nell’esclusivo interesse dello stesso, può fornire agli organi di informazione e di stampa notizie che non siano coperte dal segreto di indagine.

II. In ogni caso, nei rapporti con gli organi di informazione e con gli altri mezzi di diffusione, è fatto divieto all’avvocato di enfatizzare la propria capacità professionale, di spendere il nome dei propri clienti, di sollecitare articoli di stampa o interviste sia su organi di informazione sia su altri mezzi di diffusione; è fatto divieto altresì di convocare conferenze stampa fatte salve le esigenze di difesa del cliente.

III. E’ consentito all’avvocato, previa comunicazione al Consiglio dell’Ordine di appartenenza, di tenere o curare rubriche fisse su organi di stampa con l’indicazione del proprio nome e di partecipare a rubriche fisse televisive o radiofoniche.

Il problema, forse, potrebbe risiedere proprio nel parametro dato dall’interesse esclusivo del cliente, giacché accettare la restribuzione potrebbe indurre taluno a ritenere che l’interesse non sia esclusivamente quello del cliente, ma anche il proprio.

Il caso è interessante, perché vale a delineare i limiti nei rapporti tra avvocati e stampa, almeno quando il difensore compare in sede giornalistica per riferire sul caso per il quale ha ricevuto il mandato professionale e, si noti, viene già pagato dal proprio cliente.

Ove l’intervista avvenga però per esigenze difensive e con il consenso del cliente, il difensore ha il diritto di farsi pagare dal cliente per l’attività prestata anche in sede giornalistica. Tuttavia, ove sia la testata giornalistica a corrispondere i compensi o, per ipotesi, la società che gestisce la raccolta pubblicitaria delle trasmissioni in cui l’intervista appaia, qualche problema interpretativo potrebbe porsi, a meno che non si voglia ammettere che il terzo stia adempiendo la prestazione economica a cui sarebbe tenuto il cliente dell’avvocato, ad esempio per il meccanismo delineato dall’art. 1180 c.c. (“Adempimento del terzo”), secondo cui

“L’obbligazione può essere adempiuta da un terzo anche contro la volontà del creditore, se questi non ha interesse a che il debitore esegua personalmente la prestazione.

Tuttavia il creditore può rifiutare ‘adempimento offertogli dal terzo, se il debitore gli ha manifestato la sua opposizione”.

Esemplificando, è possibile immaginare uno scenario del genere:

a) un difensore compaia in programmi televisivi per esigenze difensive con il consenso del cliente e matura il diritto agli onorari professionali per tale attività;

b) tali onorari dovrebbero essere corrisposti dalla parte assistita e la prestazione, restribuita, viene posta in essere nell’interesse esclusivo della medesima, non potendo il compenso professionale costituire un ostacolo nel ravvisare l’esclusività dell’interesse per cui viene eseguita la prestazione professionale, giacché è la naturale controprestazione dell’attività svolta;

c) un terzo, in questo caso la testata giornalistica o l’emittente televisiva o la società che gestisce gli introiti pubblicitari decide di adempiere in proprio alla prestazione economica che grava in capo al cliente, ai sensi dell’art. 1180 c.c. sopra trascritto, con conseguente obbligo da parte del difensore di emettere la relativa parcella.

Così configurati i rapporti (salvo a valutare la congruità dei compensi in ragione dell’attività svolta che non potrebbe avere, come parametro, l’entità degli introiti incamerati dall’emittente televisiva o dalla testata giornalistica in relazione all’indice di ascolto o delle copie vendute) v’è illecito deontologico?

Diverse, invece, sono le posizioni degli altri soggetti.

Un po’ meno tranquillo sarà probabilmente il consulente tecnico dell’avvocato Russo: l’uomo, un ingegnere nominato per ricostruire il luogo del delitto, ha chiesto (all’insaputa degli avvocati, giurano loro) prima diecimila e poi ottomila euro all’inviato del Tg2, Valerio Cataldi per le foto del garage dell’orrore. Il giornalista ha registrato tutto e poi ha mandato in onda il servizio. Dopo mezz’ora è stato convocato in procura dal procuratore Sebastio e dall’aggiunto Pietro Argentina dove fino alle tre di notte ha raccontato quello che è accaduto. Dopodiché è scattata la perquisizione a casa del consulente, dove sono state trovate le fotografie proposte. Le stesse, tra l’altro, andate in onda in esclusiva qualche ora prima in un programma Mediaset.

(…)

“Anche Cosima e Sabrina sono state lautamente compensate”, si difende, accusando, l’avvocato Galoppa. E una conferma in questo senso arriva da un altro personaggio assai controverso, Valentino Castriota. Per 15 giorni, dopo la scomparsa di Sarah, funge da portavoce della famiglia. Poi viene allontanato proprio da Sabrina Misseri, con l’accusa di essere un “disturbatore televisivo”, modello Paolini. É Castriota però a convincere i calciatori del Lecce a scendere in campo con una maglietta per Sarah, su richiesta della famiglia. É Castriota che organizza la fiaccolata in paese. “Di offerte di denaro per interviste o materiale video esclusivo ne arrivavano tutti i giorni – racconta oggi – per il filmato del viaggio a Roma di Sarah e Sabrina sono arrivate proposte da quattromila euro, per i diari cifre superiori a diecimila euro. Quando non erano soldi, erano promesse di costosi regali” (…).

Vedremo l’esito delel inchieste.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

Su Sarah Scazzi: Mariangela contro Sabrina. L’esposizione mediatica e il ruolo investigativo del giornalismo

Dall’epilogo tragico, sconvolgente, che ha rivelato i misteri intorno a Sarah Scazzi, si apre il dramma familiare, che reclamerebbe un po’ di silenzio. Non scriverò molto. Rimarco solo quanto sia decisiva, nella ricostruzione dei fatti, la figura di Mariangela Spagnoletti, l’amica automunita che avrebbe dovuto portare a mare Sarbina e Sarah.

Continua a leggere

Riflessione a partire dal caso di Sarah Scazzi: privacy e controllo sociale

In casi come quello di Sarah Scazzi, e purtroppo ce ne sono molti, l’uso di ogni strumento tecnologico utile al ritrovamento è d’obbligo. Comprensibili dunque le richieste, caldeggiate dall’associazione Penelope, per la verifica delle rilevazioni satellitari militari nella zona che la quindicenne scomparsa avrebbe percorso prima di scomparire nel nulla.

Sulla vicenda consiglio di leggere due recenti articoli che mi hanno colpito.

Il primo è di Cristina Bassi, per Panorama. Intervista Elisa Pozza Tasca, Presidente dell’associazione Penelope (associazione nazionale delle famiglie e degli amici delle persone scomparse). In tale articolo vengono diffuse informazioni di interesse generale e di contenuto tenico, dalle Linee Guida per favorire la ricerca di persone scomparse all’attività del Commissario Straordinario del Governo per le persone scomparse ed a quella del RI.SC., il sistema informatico per il ritrovamento delle persone scomparse.

Si parla anche della richiesta di accedere ai risultati delle rilevazioni effettuate con il sistema satellitare militare:

Presidente, crede che le persone e i mezzi impegnati nelle ricerche di Sarah siano inadeguati?
A mio parere la madre di Sarah non ha motivo di lamentarsi, ho visto un notevole impiego di forze: uomini, cani, elicotteri. Piuttosto il mio primo consiglio ai familiari della ragazza è quello di dire agli inquirenti tutto quello che sanno e al più presto. Spesso in questi casi accade invece che i parenti diano informazioni “a rate”, non facilitando le indagini. Forse però si poteva pensare prima all’utilizzo del sistema satellitare, che potrebbe mostrare con chi è salita in auto Sarah, la targa e il modello della macchina. Ora comunque abbiamo richiesto il ricorso al sistema satellitare militare e il ministro La Russa ha dato il via libera.

Ed ancora:

Come funziona questo sistema?
Nelle ricerche di Sarah verranno impiegati sia il sistema civile sia il militare. Quest’ultimo è molto sofisticato, viene utilizzato a scopi importanti come la sicurezza e contro il terrorismo, i risultati sono secretati. Il satellite “fotografa” quello che succede nell’area monitorata: nella zona di Avetrana c’è una base Nato e quindi contiamo sul fatto che il satellite fosse attivo nei giorni della scomparsa e che le immagini siano state conservate. Potrebbero aiutare molto il magistrato, che coordina le indagini ed è il solo che le può visionare. La famiglia e le associazioni come la nostra non hanno accesso a certe informazioni, ma l’importante è che le indagini procedano.

Sarei davvero felice se si riuscisse a far luce sulla vicenda tramite tali rilievi. C’è da riflettere però, a margine di queste dichiarazioni, su ciò che in fin dei conti già sappiamo tutti, ma su cui non c’è una adeguata coscienza critica: il dettaglio con cui siamo monitorati quotidianamente è davvero impressionante. C’è un controllo sociale sistematico spaventoso.

L’altro scritto è firmato da Goffredo Buccini per il Corriere della Sera. Nella parte finale del suo articolo mette in evidenza l’invasività dei media nella sfera intima delle persone toccate dalla tragedia e, forse anche per questo, incapaci di reagire di fronte alle richieste provenienti dai “giornalisti d’assalto”:

«Dai, manda un messaggio caloroso alla tua bambina», la incita una cronista tv a caccia d’emozioni. «Su, mandale un bacio», azzarda un’altra. «Non mi sembra il caso…», abbassa gli occhi Concetta, che baci alla figlia non ne ha dati granché neanche di persona, e forse per farsi perdonare, forse per riempire questi vuoti, spalanca diari e cassetti, sicché taccuini e telecamere registrano e spiattellano di Sarah persino l’emozione del primo reggiseno, i cuoricini della prima cotta, i palpiti del primo giorno da signorina: tutte le emozioni negate in quelle vite finiscono in televisione (…)

Siamo di fronte a due aspetti diversi sulla condizione della privacy nella società dell’informazione, concernenti il medesimo caso. Ma se pensiamo a Facebook, gli esempi potrebbero continuare.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books