Gazzetta Ufficiale

D.Lgs. n. 21/2014, di attuazione della direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori (G.U. n. 58 dell’11.3.2014)

Segnalo che il D.Lgs. 21 febbraio 2014, n. 21, dal titolo “Attuazione della direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori, recante modifica delle direttive 93/13/CEE e 1999/44/CE e che abroga le direttive 85/577/CEE e 97/7/CE” è stato pubblicato in G.U. n. 58 dell’11.3.14.

Qui è disponibile il testo completo in PDF, consultabile anche sul sito della Gazzetta Ufficiale o su quello di Normattiva.

Per un primo commento al d.lgs. 21/2014 di attuazione delle direttiva 2011/83/UE si rimanda al paragrafo conclusivo di F. Bravo, I contratti a distanza nell’evoluzione del diritto privato europeo, in G. Alpa (a cura di), I contratti del consumatore, Giuffrè, Milano, 2014, pp. 529-602.

Per un commento più esteso alla disciplina sui contratti a distanza nel codice del consumo e nella direttiva 2011/83/UE si rimanda invece a F. Bravo, I contratti a distanza nel codice del consumo e nella direttiva 2011/83/UE. Verso un codice europeo del consumo, Giuffré, Milano, 2013.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

 

 

 

 

La Gazzetta Ufficiale online e il ritorno di quella cartacea (che non se ne è mai andata)

In un recente articolo apparso su «La Stampa», intitolato «Finita la carta per la Gazzetta Ufficiale», veniva data notizia che sarebbe stata eliminata la versione cartacea della Gazzetta Ufficiale.

Lì si legge, infatti:

Addio alla versione cartacea della Gazzetta Ufficiale: dal primo gennaio 2009 – si legge in un avviso dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato allegato all’ultima pubblicazione della Gazzetta in edicola ieri – cessa la diffusione della versione cartacea.

«A partire dalla stessa data – si sottolinea ancora nell’avviso – è fruibile gratuitamente per 60 giorni la Gazzetta Ufficiale online».

La scomparsa della Gazzetta di carta è conseguente all’attuazione di una norma contenuta nel decreto legge di quest’estate, la manovra triennale sui conti.

Tuttavia, la versione cartacea della G.U. non è affatto scomparsa.

Se risaliamo direttamente alle fonti normative, ci rendiamo conto che l’art. 27 («taglia-carta») del d.l. 112/08, convertito nella legge 133/08, statuisce che

 Al fine di ridurre i costi di produzione e distribuzione, a decorrere dal 1° gennaio 2009, la diffusione della Gazzetta Ufficiale a tutti i soggetti in possesso di un abbonamento a carico di amministrazioni o enti pubblici o locali e’ sostituita dall’abbonamento telematico. Il costo degli abbonamenti e’ conseguentemente rideterminato entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

Pertanto, non è che finisce la versione cartacea della G.U.

Anzi, la G.U., quella che fa fede in ordine a quanto viene in essa pubblicato, rimane in versione rigorosamente cartacea.

Chiarissimo in tal senso è anche l’avvertenza nella homepage del sito della G.U. gestito dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, ove si trova testualmente indicato quanto segue:

 

Ricordiamo che l’unico testo definitivo è quello pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale a mezzo stampa, che prevale in casi di discordanza.

 

Ciò che cambia è la forma con cui viene diffusa una copia agli enti pubblici o locali ed alle altre amministrazioni pubbliche che hanno sottoscritto un abbonamento per riceverla. In questo caso, la distribuzione non avviene più tramite supporto cartaceo, ma solamente su supporto elettronico, accessibile mediante connessione telematica.

La norma nulla dice, invece, in ordine ai privati (es. studi legali, etc.), che potrebbero continuare a richiedere la spedizione in versione cartacea della G.U. in abbonamento, ove lo desiderassero (fermo restando che la versione telematica è solitamente da preferire).

Il risparmio connesso al minor uso della carta per le pubbliche amministrazioni è garantito dalla disposizione di chiusura, che impone la rideterminazione dei costi di abbonamento.

La norma non lo specifica, ma ovviamente è apprezzabile anche l’impatto ambientale di tale disposizione.

Ciò che non convince, ed in effetti la norma poteva osare di più, è proprio l’efficacia ed il valore della versione in formato elettronico rispetto a quella in formato cartacea.

Tra l’altro v’è da aggiungere che recentemente l’art. 16, co. 12, del d.l. 185/08 (non ancora convertito in legge, a quanto ci consta), ha previsto una modifica delle disposizioni relative al codice dell’amministrazione digitale, stabilendo che:

I commi 4 e 5 dell’articolo 23 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante “Codice dell’amministrazione digitale”, sono sostituiti dai seguenti: «4. Le copie su supporto informatico di qualsiasi tipologia di documenti analogici originali, formati in origine su supporto cartaceo o su altro supporto non informatico, sostituiscono ad ogni effetto di legge gli originali da cui sono tratte se la loro conformità all’originale è assicurata da chi lo detiene mediante l’utilizzo della propria firma digitale e nel rispetto delle regole tecniche di cui all’articolo 71.

5. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri possono essere individuate particolari tipologie di documenti analogici originali unici per le quali, in ragione di esigenze di natura pubblicistica, permane l’obbligo della conservazione dell’originale analogico oppure, in caso di conservazione ottica sostitutiva, la loro conformità all’originale deve essere autenticata da un notaio o da altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato con dichiarazione da questi firmata digitalmente ed allegata al documento informatico.»

Con questo nuovo assetto normativo bisognerebbe capire quale ruolo, nella società «paperless», vorremmo che avesse, anche per il futuro, una gazzetta ufficiale telematicamente raggiungibile e, più in generale, l’insieme delle norme del nostro ordinamento giuridico che sono ormai largamente disponibili in formato elettronico nella stessa G.U. o nei siti istituzionali (es.: parlamento, norme in rete, etc.).

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books