controllo

Responsabilità dei Providers. L'emendamento al disegno di legge in tema di sicurezza

Il fenomeno sociale di esternazione di favore alla Mafia riscontrato sui social network (in particolare da gruppi di utenti su Facebook) ha attirato prima l’attenzione della magistratura e di quella dell’opinione pubblica, ora quella della politica e del legislatore.

Qual è il risultato?

È stato discusso al Senato il disegno di legge in tema di sicurezza (DL733), che riguarda svariati temi.

In seno alla discussione parlamentare, come si apprende anche dall’articolo apparso qualche giorno fa su La Stampa, il senatore dell’udc Gianpiero D’Alia ha proposto un emendamento a dir poco discutibile:

«Art. 50-bis. (Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet)

1. Quando si procede per delitti di istigazione a delinquere o a disobbedire alle leggi, ovvero per delitti di apologia di reato, previsti dal codice penale o da altre disposizioni penali, e sussistono concreti elementi che consentano di ritenere che alcuno compia detta attività di apologia o di istigazione in via telematica sulla rete internet, il Ministro dell’interno, in seguito a comunicazione dell’autorità giudiziaria, può disporre con proprio decreto l’interruzione della attività indicata, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine.

2. Il Ministro dell’interno si avvale, per gli accertamenti finalizzati all’adozione del decreto di cui al comma 1, della polizia postale e delle comunicazioni. Avverso il provvedimento di interruzione è ammesso ricorso all’autorità giudiziaria. Il provvedimento di cui al comma 1 è revocato in ogni momento quando vengano meno i presupposti indicati nel medesimo comma.

3. I fornitori dei servizi di connettività alla rete internet, per l’effetto del decreto di cui al comma 1, devono provvedere ad eseguire l’attività di filtraggio imposta entro il termine di 24 ore. La violazione di tale obbligo comporta una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000, alla cui irrogazione provvede il Ministro dell’interno con proprio provvedimento.

4. Entro 60 giorni dalla pubblicazione della presente legge il Ministro dell’interno, con proprio decreto, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e con quello della pubblica amministrazione e innovazione, individua e definisce i requisiti tecnici degli strumenti di filtraggio di cui al comma 1, con le relative soluzioni tecnologiche.

5. Al quarto comma dell’articolo 266 del codice penale, il numero 1) è cosı` sostituito: “col mezzo della stampa, in via telematica sulla rete internet, o con altro mezzo di propaganda”.».

Secondo quanto riportato dall’articolo de La Stampa già citato, l’emendamento sarebbe stato proposto

per la repressione dei casi di apologia e incitamento via internet di associazioni mafiose, criminose, eversive, terroristiche, oltre che di violenza sessuale, discriminazione, odio etnico, nazionale, razziale e religioso.

In caso di accertata apologia o incitamento, «il ministro dell’Interno – si legge nel testo – dispone con proprio decreto l’interruzione dell’attività indicata, ordinando ai fornitori di servizi di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine, applicando sanzioni pecuniarie per gli inadempienti».

«In questo modo – commenta D’Alia – diamo concretezza alle nostre iniziative per ripulire la rete, e in particolare il social network ’Facebook’, dagli emuli di Riina, Provenzano, delle Br, degli stupratori di Guidonia e di tutti gli altri cattivi esempi cui finora si è dato irresponsabilmente spazio. Non possiamo accettare su internet ciò che combattiamo nella realtà: ora sta a Facebook adeguarsi e dimostrare di non essere una giungla virtuale senza regole nè rispetto».

L’idea che si ha è che si sia voluto cavalcare politicamente l’onda smossa dal clamore della notizia dei gruppi di interesse per la Mafia apparsi su Facebook, ma i costi sociali di scelte politiche non meditate (per non dire avventate) sono tropo alti.

Ci sono chiari indirizzi, rilevabili su più fronti, volti a determinare politiche di controllo sociale basate sull’azione dei Providers e si finisce per temere che la facile via di addossare obblighi di controllo ai Provider (con relative levate sanzioni per omesso controllo) sia in realtà una strada comoda da percorre politicamente, ma gravemente infelice.

Tra le altre cose stupisce infatti, nell’emendamento dell’ultima ora, che l’attenzione sia sempre ed esclusivamente rivolta ai «Fornitori di servizi di connettività alla rete Internet» e non al Content Service Provider, ossia al fornitore del servizio di gestione della piattaforma di social network contenente le informazioni ed i dati contestati.

Tra l’altro, nelle dichiarazioni di D’Alia riportate nell’articolo di La Stampa, l’equivoco sembra evidente, visto che il riferimento è direttamente ed esplicitamente rivolto a Facebook, che non è affatto un fornitore di connettività.

L’emendamento, per come è formulato, è scritto male, non merita alcun plauso e meriterebbe di esserte cassato nel suo passaggio alla Camera, prima che diventi legge dello Stato.

I Robots e la questione del controllo

Noel Sharkey, professore di Computer Science all’Università di Sheffield, lancia un monito, raccolto da Giovanni Caprara per il Corriere della Sera nel suo articolo «2011, l’invasione dei robot»:

«I robot stanno per diventare un pericolo, dobbiamo pensare a come difenderci».

L’attenzione del Prof. Sharkey è rivolta non solo alla robotica, ma anche alle conseguenze che la sua massiva introduzione porterà nel nostro sistema sociale ed economico.

L’impatto dell’uso degli androidi sarà sicuramente senza precedenti e produrrà conseguenze irreversibili. Lo stato della tecnica è particolarmente avanzato, molto più di quanto non si riesca a credere.

Non si ha, infatti, la percezione di quanto avanti siano le ricerche scientifiche e non appena il progresso sarà accompagnato da possibilità di una più vasta commercializzazione dei prodotti ora allo stato prototipale, ma che presto saranno perfezionati in versione definitiva, avremo un’ambiente profondamente mutato.

Sharkey avverte sul rischio che l’uso degli androidi porti ad affrontare a breve rischi nuovi per la società, visto che potrebbero poi sfuggire al controllo.

Occorrerà allora ripensare fin da subito, prima che il «poi» diventi realtà, a come affrontare il rischio, per l’uomo, della perdita di controllo sugli androidi.

L’articolo di Caprara è sottile, perché coglie anche un altro aspetto del timore di Sharkey, quello legato a chi dovrà stabilisce come controllare gli androidi e la loro introduzione nella società civile. Infatti, se questa non prende coscienza del problema fin da ora, potrà capitare a breve che le regole vengano dettate solamente dal mondo militare e da quello industriale, senza alcun equilibrio con le possibili diverse esigenze di chi dovrà relazionarsi con un robot antropomorfo usato per i servizi domestici, per esigenze di compagnia e divertimento o per impieghi in altre realtà come esercizi commerciali, musei, case di cura, etc.

Questi decisivi mutamenti sociali, che realizzeranno le visioni di Isaac Isimov e ci costringeranno presto a confrontarci con le sue famose leggi della robotica, appaiono vicini se si pensa alle statistiche diffuse dalla International Federation of Robotics (IFR), all’esito dello studio «World Robotics 2008», ove si è avuto modo di precisare che

At the end of 2007 about 1 million industrial robots and 5.5 million service robots were worldwide operating in factories, in dangerous or tedious environment, in hospitals, in private houses, in public buildings, underwater, underground, on fields, in the air, in the space – robots are everywhere! Up to the end of 2011 more than 17 million service robots and 1.2 million industrial robots will populate the world, reports the IFR Statistical Department in the new study “World Robotics 2008”, which was published on October 15, 2008.

Rimando alla lettura integrale dell’articolo di Caprara per una migliore percezione del problema. Qui mi limito a citare alcune parti:

la maggior parte la ritroveremo in ambienti di vita familiari, domestici o che comunque frequentiamo nella nostra quotidianità. «Le indagini ci dicono che ormai molti bimbi preferiscono il robottino al tradizionale orsacchiotto di peluche—nota Sharkey in un articolo pubblicato sulla rivista americana Science —, che numerosi anziani sono seguiti nelle case di cura e in alcuni ospedali da robot, aiutandoli nella loro indipendenza e ricordando loro quando prendere le medicine. Ma anche nei musei, oltre ovviamente alle fabbriche, i robot sono sempre più presenti. Quindi significa che gli umani passano sempre più tempo in compagnia dei robot affrontando rischi che non possiamo ignorare e finora sottovalutati». Proprio l’esplosione nella quantità di queste macchine e soprattutto la loro intelligenza sempre più sofisticata amplia, infatti, la possibilità che possano sfuggire al controllo. E che il loro software li porti a compiere azioni pericolose non previste, frutto di anomalie o errori dei sistemi.

(…)

«Se non si interviene—sostiene allarmato Sharkey — finirà che le decisioni circa le applicazioni dei robot saranno prese dai militari e dagli industriali che li producono invece che da organismi internazionali che considerano prima di tutto il cittadino». E per dare la dimensione di quanto la robotica sia ad esempio ormai diffusa negli ambienti militari in impieghi terrestri e aerei ricorda che in Iraq i robot di diverso tipo utilizzati sono quattromila. Complessivamente i robot in grigioverde oggi sono il 25 per cento di tutti i robot di servizio attivi. Ma Sharkey aggiunge pure un’altra preoccupazione: «La tecnologia — nota — nonostante sia sempre più sofisticata è diventata più economica e consente già di realizzare in casa dei marchingegni automatici da utilizzare come sistemi di offesa a scopo terroristico». La crescita ha trasformato ovviamente i robot anche in un gigantesco affare: il mercato mondiale ha raggiunto il valore di 18 miliardi di dollari, un terzo del quale è rappresentato dai robot industriali.

(…)

L’area tuttavia in cui si prevede il maggior sviluppo è quella del robot di intrattenimento e piacere che quasi triplicheranno rispetto ad oggi. Ciò significa che il contatto con questa tecnologia diventerà davvero intimo e sempre più protagonista delle nostre abitazioni. Valutare i rischi e scrivere regole adeguate di prevenzione e tutela da parte degli umani che devono interagire sarebbe dunque necessario. Ma sarebbe altrettanto utile per i produttori, i quali finalmente disporrebbero così di riferimenti precisi entro i quali salvaguardare diritti e necessità.

Nei successivi post Vi indicherò esempi concreti su come la robotica sta progredendo.

Poi, cercheremo di tracciare un ragionamento per ciò che concerne le scelte giuridiche.

Orologio, geolocalizzazione e tecnologie di controllo

Proposto per monitorare a distanza i propri figli e dare serenità ai genitori, una società britannica (Lok8u Ltd) commercializza un orologio (Nu.M8) che sfrutta la tecnologia dei navigatori satellitari, con funzioni che realizzano vari strumenti di controllo.

Le applicazioni sono essenzialmente tre.

La prima è quella di geolocalizzazione. L’orologio viene messo al polso dei figli e i genitori, attraverso un dispositivo specifico, il proprio cellulare o il proprio PC, possono monitorare il posizionamento geografico del minore su una mappa tipica dei navigatori satellitari, con un margine di errore massimo di soli tre metri.

La seconda applicazione fornisce una risposta alle preoccupazioni legate alla possibilità che l’«orologio», senza il consenso del genitore, possa essere tolto di nascosto dal figlio stesso o possa essergli strappato di dosso da un altra persona, ad esempio un aggressore, con la violenza. In questo caso il dispositivo invia immediatamente un messaggio al genitore, tramite SMS o e-mail, in modo che questi possa intervenire immediatamente per rimettere o far rimettere il dispositivo al polso del figlio oppure, nel caso non auspicabile di aggressione o rapimento, per prestare un immediato soccorso.

La terza applicazione, invece, consente di programmare il dispositivo in modo tale che il sistema segnali al genitore, con un SMS o tramite e-mail, se il figlio (con l’orologio al polso) abbia lasciato una determinata zona, ritenuta sicura, eventualmente anche in relazione ad un dato arco temporale.

Ecco il link ad una demo, su sito della società produttrice, ove è possibile rendersi conto del funzionamento del prodotto.

Mi sembra che si sia voluto applicare in un contesto familiare il sistema di braccialetto elettronico pensato per i detenuti o per coloro che sono agli arresti domiciliari o alla detenzione domiciliare, molto usato in gran bretagna e di cui dà conto anche il nostro Ministero della Giustizia sul suo sito Internet.

La notizia dell’orologio-braccialetto elettronico usato dai genitori per la geolocalizzazione dei propri figli lascia aperto un interrogativo sul confine tra libertà e privacy (da una parte) ed esigenze di controllo e sicurezza (dall’altra parte).

Il discorso è sempre il medesimo, destinato costantemente a contraddistinguere la nostra società, ma ora viene spostato nell’ambito delle dinamiche familiari. Ancora una volta, le nuove tecnologie hanno un impatto decisivo.

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books