Nemesys e GPL. Arriva il codice sorgente

A seguito di un mio recente post dal titolo “Nemesys. Il software è in GPL ma la GPL non è una licena d’uso“, avuti contatti con l’Ing. Luca Rea, Responsabile del progetto, questi mi segnala in anteprima che:

1) il codice sorgente di Nemesys è ora reso disponibile on-line al seguente indirizzo:

http://code.google.com/p/nemesys-qos/

2) presto verrà inserito tale link anche all’interno del sito di progetto (MisuraInternet.it)

3) quanto prima verranno sanate le ulteriori discrepanze segnalate.

Ringrazio dunque l’Ing. Rea della Fondazione Ugo Bordoni per gli immediati riscontri e Paolo del Bene per lo stimolamente commento che mi ha rilasciato.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Information Society & ICT Law

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

7 risposte a Nemesys e GPL. Arriva il codice sorgente

  • paolo dbene scrive:

    la GPL Version 3 è una licenza di uso e la invito a leggere la licenza stessa: http://www.gnu.org/licenses/gpl.txt

    comunque ho scritto anche a Richard Matthew Stallman in quale è rimasto senza paole, perchè ha detto che non ha mai visto che un free softwae venga distribuito in tal modo e che giustamente dovrebbe stare in un repository e non in una pagina di google, l’utente si dovrebbe iscrivere contro la propria volontà, dare i propri dati ed oltre la GPL Version 3, dovrebbe sottostare a dei termini di licenza ancor più ristrettivi che stabiliscono il numero progressivo assegnato al programma per identificare a chi è stato distribuito.

    e questo me lo chiamate Software Libero ?

    alla faccia del rispetto della GNU General Public License che ha fissato 4 regole standard per la tutela del Software Libero:

    http://www.gnu.org

    What is Free Software?

    “Free software” is a matter of liberty, not price. To understand the concept, you should think of “free” as in “free speech”, not as in “free beer”.

    Free software is a matter of the users’ freedom to run, copy, distribute, study, change and improve the software. More precisely, it refers to four kinds of freedom, for the users of the software:

    * The freedom to run the program, for any purpose (freedom 0).
    * The freedom to study how the program works, and adapt it to your needs (freedom 1). Access to the source code is a precondition for this.
    * The freedom to redistribute copies so you can help your neighbor (freedom 2).
    * The freedom to improve the program, and release your improvements to the public, so that the whole community benefits (freedom 3). Access to the source code is a precondition for this.

    Copyright © 1996, 1997, 1998, 1999, 2000, 2001, 2002, 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010 Free Software Foundation, Inc.

    The FSF also has sister organizations in Europe, Latin America and India.

    Verbatim copying and distribution of this entire article are permitted worldwide, without royalty, in any medium, provided this notice, and the copyright notice, are preserved.

    Updated: $Date: 2010/11/26 17:07:01 $

    e non potete certo venire a dire che non lo sapevate, perchè avete rimosso i threads che ho pubblicato e che tanto sono in mano di Richard Matthew Stallman ed in mano alla legal mailing list di gpl-violations.org

    Richard, perchè è un grande amico, mi ha chiesto chi è lo sviluppatore e chi provvede a distribuirlo in tal modo, credo che a questo punto sia giusto metterlo sui repositories, non potete obbligare le persone a dover accettae dei termini di licenza oltre alla GPL, altrimenti avete sbagliato licenza.

  • Fabio Bravo scrive:

    Premesso che c’è sicuramente una discrepanza tra le modalità di sviluppo del progetto, in GPL 3, e le modalità di distribuzione, credo che vi siano diversi equivoci di fondo.
    Il software Nemesys, per quanto mi è dato sapere, è stato sviluppato dalla Fondazione ugo Bordoni (FUB) nell’ambito del progetto “MisuraInternet”, portato avanti dall’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni).
    Sono contento se rilascia i Suoi commenti su questo blog, ma tenga presente che:
    a) i commenti lasciati qui non sono diretti alla FUB, né all’AGCOM, delle quali non faccio parte. Sarebbe pertanto utile, se ritiene di avanzare pretese legali sul software in GPL v3 (relative ad esempio alle procedure di download previa registrazione; al contrassegno sulla singola copia licenziata; alla mancata persenza dei sorgenti in un repository specifico anziché su una pagina o un’area di memoria di google; ed altre)di farle presenti direttamente a tali enti e non a me (non so perché usa, infatti, la seconda persona plurale su questo blog…);
    b) ad ogni modo i Suoi threads, se si riferisce ai commenti postati su questo blog, non sono stati cancellati. Oltre a quello che precede, del 30/11/2010, me ne risulta pervenuto solamente un altro, a commento dell’articolo “La FUB risponde. Nemesys è open source con licenza GPL” (http://www.informationsociety.it/ictlaw/lagcom-riponde-nemesys-e-open-source-con-licenza-gpl.html/comment-page-1#comment-220). Se invece si dovesse riferire a threads pubblicati altrove, non ne sono a conoscenza e non sono in grado di riferirle. Faccia presente la cosa nel forum o nel blog ove li ha pubblicati.

  • paolo del bene scrive:

    dica alla fondazione FUB di studiarsi la GPL Version 3 che hanno deciso di adottare, se poi non si vogliono impegnare a rispettarla allora saranno rei di una violazione della GNU General Public License indipendentemente che sia GPL Version 1, Version 2 o Version 3.

    Una violazione è una violazione, suggerisco la lettura di:http://www.gnu.org/licenses/gpl.txt che riguarda nello specifico la GNU General Public License Version 3.

    Se poi non dovesse bastare la licenza che ho mostrato, allora saranno liberi di andare su
    http://gpl-violations.org ed iscriversi alla Legal ML
    http://www.gnu.org/licenses/gpl.txt le domande invece dovranno esser indirizzate a
    legal@lists.gpl-violations.org ma non vengano a dire che la GPL Version 3 non è una licenza d’uso perchè è falso.

    Qualora non dovesse bastargli nemmeno la Legal ML possono prendere i contatti con la Free Software Foundation di Boston http://www.fsf.org contattando:
    Please send FSF & GNU inquiries to gnu@gnu.org se non dovesse bastare nemmeno questo contatto allora potete contattare Eben Moglen: http://www.law.columbia.edu/fac/Eben_Moglen qui potete trovare la sua e-mail e scrivere dalla FUB.

    altra persona molto ferrata è Lawrence Lessig venuto tempo alla Camera a parlare a quella manica di traffichini e mafiosi parlandogli di “Internet è libertà” e tenendogli una Lectio Magistralis a questi cavron che non so se hanno capito quello che gli andava dicendo, inoltre era stato invitato da FINI.

    http://tinyogg.com/watch/Qwmm0
    http://tinyogg.com/watch/uNEin
    http://tinyogg.com/watch/JvNbK
    http://tinyogg.com/watch/sbDRE

    Lawrence Lessig

    http://www.lessig.org/info/bio
    http://www.lessig.org/info/contact

    Sto parlando dei massimi esperti e Vorrebbero farmi credere che la GPL Version 3 non è una licenza d’uso ?

    Leggessero a questo punto quanto ho scritto in questo ultimo thread, non ho altre parole da sprecare e tempo per persone che non vogliono rispettare una licenza.

    Ora o si adattano alla GNU General Public License Version 3 o violeranno la medesima licenza, possono andare al Fork, facendo un Nuovo Ne.Me.Sys, con un’altra licenza, ma questo solo dal nuovo Ne.Me.Sys che non adotterà la GPL Version 3, il Ne.Me.Sys sotto GPL Version 3 dovrà rispettare tutte le condizioni della medesima licenza

    Saluti

    Paolo Del Bene

  • paolo del bene scrive:

    se al FUB non dovesse bastare finora quanto gli è stato suggerito gratuitamente, possono rivolgersi alla
    Free Software Foundation Europe

    http://fsfe.org/contact/contact.en.html

    qualora pensassero di poter scavalcare i termini di licenza, la Free Software Foundation è rispettivamente rappresentata in Italia da:

    http://libreplanetitalia.noblogs.org/about
    http://www.sorbaioli.org/category/libre-planet-italia

    Saluti

    Paolo Del Bene

  • Fabio Bravo scrive:

    Sono contento di come prenda a cuore il software libero. Condvido l’assunto che la GPL, una volta adottata, vada rispettata. Non condivido, però, che la GPL sia una licenza d’uso e ciò per un motivo molto semplice (illustro la questione con una necessaria semplificazione del discorso, che in realtà è più complesso): la licenza d’uso di software, com’è chiaramente indicato dalla sua denominazione, viene generalmente utilizzata per concedere all’utente (licenziatario) il diritto di “utilizzo” del software licenziato, ma non altre prepogative, libertà, facoltà o diritti, che dir si volgia, quali ad esempio il diritto di accesso al codice sorgente, il diritto di studiare e nligliorare/modificare/ridistribuire il software, etc.; la GPL, invece, così come altre licenze (incluso la EUPL), sono definite “public licence” (licenze pubbliche) o licenze “di software libero” e non licenze d’uso (GPL=General Public Licence; EUPL=Europen Union Public Licence) e, oltre all’utilizzo del software, concedono all’utente anche gli altri diritti, volti a garantire le libertà teorizzate da Stallman. Quindi parlare di GPL come “licenza d’uso”, a mio avviso, non è corretto perché sarebbe assolutamente riduttivo e non terrebbe conto della maggiore articolazione dei diritti concessi in licenza all’utente-licenziatario. In sostanza, per la GPL, la EUPL e le altre licenze approvate dall’OSI si parla di “public licence” (licenze “pubbliche”) o di licenze “di sofware libero” o di licenze “open source”.
    Inoltre, Le indico anch’io un link:
    http://www.gnu.org/licenses/license-list.it.html
    Noterà che il termine “licenza d’uso” viene evitato accuratamente. Non è un caso.

  • Graziano scrive:

    Non sono sufficientemente bravo per discutere a questo livello sulle licenze, però concordo con il fatto che l’obbligo di registrazione per scaricare un sw sotto licenza GPL è quantomeno fastidioso.
    Se poi lo fa un’authority italiana, visto come vanno le cose da noi, ho ancora più dubbi. Mi sa tanto di comoda schedatura volontaria.
    Così, a naso, senza prove reali. Però il mio naso solitamente sbaglia meno della mia ragione.

  • paolo del bene scrive:

    # apt-get install nemesys
    Reading package lists… Done
    Building dependecy tree
    Reading state information… Done
    E: Couldn’t find package nemesys

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books