Il primo virus per PC (aggiornamento)

Federico Cella ha scritto sul suo blog “Vita Digitale” un interessante post dal titolo “Alla scoperta del primo virus per pc“, che vi consiglio di leggere.

Viene proposta anche la schermata del virus, rigorosamente in DOS, che vi riporto di seguito:

Come si legge sul lato sinistro, gli autori del virus hanno lasciato un messaggio autoreplicante contenente i recapiti della loro società (la Brain Computer Service Ltd.) , chiedendo di essere contattati per la rimozione del virus medesimo.

Welcome to the Dungeon © 1986 Basit * Amjad (pvt) Ltd. BRAIN COMPUTER SERVICES 730 NIZAM BLOCK ALLAMA IQBAL TOWN LAHORE-PAKISTAN PHONE: 430791,443248,280530. Beware of this VIRUS…. Contact us for vaccination…

In altre parole il virus nasceva nel gennaio 1986 come una “geniale” trovata di marketing per raggiungere rapidamente la notorietà sul mercato e proporsi per la soluzione dei problemi nel settore informatico e, più in generale, per la fornitura di servizi ICT. A pensarci bene ricordano anche un po’ le strategie di marketing sottese allo spamming, con l’aggravante che il sistema era destinato ad interagire sul funzionamento dell’elaboratore, facendo visualizzare il messaggio pubblicitario senza che il destinatario potesse rimuoverlo autonomamente.

Come rileva bene Federico Cella, in chiusura del suo articolo,

Praticamente i precursori delle fortune (…) di tutti i produttori di software anti-virus.

La schermata con il “primo” virus ha un valore storico notevole.

Per la verità, però, che si tratti effettivamente del primo virus (e non di uno dei virus diffusi nei primi anni della loro apparizione) potrebbero sorgere dei dubbi e la notizia andrebbe verificata meglio.

Infatti non potrà sfuggire che risale al 1985 la nomina del Comitato Ristretto di Esperti chiamato, in seno al “Comitato per i problemi criminali” del Consiglio di Europa, a delineare la strategia di contrasto della criminalità informatica, tra le cui manifestazioni v’era proprio la diffusione di virus informatici.

Ciò non toglie nulla, ovviamente, al valore storico del virus della Brain Computer Service. Poco interessa se tale virus sia stato il capostipide: ciò che lo rende prezioso è la testimonianza che offre sul modus operandi di chi confezionava virus nei primi anni della loro manifestazione.

Il discorso è stato approfondito anche da Repubblica, che ha pubblicato un articolo ed un servizio multimediale, con videointervista:

 

A seguito del lavoro del Comitato Ristretto di Esperti, a cui ho fatto cenno poco sopra, v’è stato un proceso di adeguamento di molte legislazioni nazionali nella repressione penale del fenomeno dei virus informatici.

Com’è noto, nel nostro ordinamento la condotta è sanzionata penalmente dall’art. 615 quinques c.p., che di seguito trascrivo:

Art. 615-quinquies. – Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico o telematico

Chiunque, allo scopo di danneggiare illecitamente un sistema informatico o telematico, le informazioni, i dati o i programmi in esso contenuti o ad esso pertinenti ovvero di favorire l’interruzione, totale o parziale, o l’alterazione del suo funzionamento, si procura, produce, riproduce, importa, diffonde, comunica, consegna o, comunque, mette a disposizione di altri apparecchiature, dispositivi o programmi informatici, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa sino a euro 10.329.

Il reato viene a configurarsi, dunque, anche nell’ipotesi in cui un soggetto “produce” … “programmi informatici” … “allo scopo di favorire” … “l’alterazione del … funzionamento” di un “sistema informatico o telematico” ovvero di “informazioni“, “dati” o “programmi” “in esso contenuti o ad esso pertinenti“.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

Una risposta a Il primo virus per PC (aggiornamento)

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books