Robotica

Comunicazioni tra Robots (e tra Robots e Umani)

Vi segnalo questo interessante progetto di ricerca sia sulla comunicazione tra robots che su quella tra robots ed esseri umani, portato avanti dall’Università di Bologna.

Il nome del progetto è «ROSSI» ed è l’acromino del suo titolo in inglese, che per esteso è «Emergence of communication in RObots through Sensorimotor and Social Interaction».

Come riportato anche sul sito dell’Università di Bologna,

This project is focused on the development or emergence of communication between robots and between robots and humans. In particular, the project will address the question of how critical it is for communicating agents to share the same general view of the world. Agents possessing different sensory and motor systems may have different views of the world and therefore may have difficulties in communicating. We will explore to what extent and which aspects of world models must be shared in order to facilitate communication between between robots and humans.

We wish to increase understanding of the requirements of affordance based world models, shared models and communication provided by such models.

Recent neurophysiological data have shown
that in the premotor cortex there are two sets of neurons: one active during the execution of specific object-directed actions and also responding to the visual presentation of the object that recruits the specific action coded motorically by the neuron (canonical neurons); the other that respond to the visual presentation of actions done by others and to their corresponding verbal labels in the same way as they respond when the action is done by the organism (mirror neurons).

This neurophysiological evidence is the platform on which it is possible to construct robots that are able to communicate and co-operate with people, based on understanding of objects, actions, and processes in their environment. The focus of this project is the construction of robots that are able to process simple commands (words referred to actions acting upon objects and specifying objects) and to respond appropriately by interacting with different kinds of objects and entities in their environment. To pursue this goal an interdisciplinary team has been assembled, including psychologists, neuroscientists, computer scientists and robotics engineers.

Il coordinamento scientifico del progetto è affidato all’Università di Bologna – Dipartimento di Psicologia (Responsabile Scientifico: Prof.ssa Anna Maria Borghi).

Al progetto, che ha carattere internazionale, partecipano : Università di Bologna (Italy); Università di Parma (Italy); Hggsklan I Skovde (Sweden); Universitaet zu Luebeck (Germany); Middle East Technical University (Turkey); Aberystwyth University (UK).

Questo è il sito del Progetto.

A questo link, invece, sono disponibili le pubblicazioni in PDF, per chi desiderasse immergersi negli approfondimenti.

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

Ibridazione uomo-macchina. L’avvento dei Cyborg

L’integrazione tra uomo e computer è stata sperimentata, al di là della domotica, anche con altre applicazioni. Dal 1998, ad esempio, vengono condotte ricerche e sperimentazioni concrete di ibridazione uomo-macchina da Kevin Warkick, celebre scienziato e professore di cibernetica all’Università di Reading, in Inghilterra.

I suoi esperimenti sono celebri anche per i dilemmi etici che pongono. La tecnologia usata prevede tecniche di impianto di microchip sottocutanei, innestati con le terminazioni nervose presenti nel corpo umano.

Gli esperimenti hanno avuto come primo obiettivo quello di fare in modo di arricchire le funzionalità dell’uomo attraverso l’interazione con gli apparati elettronici.

Nel corso del tempo gli esperimenti condotti da Warwick sono stati sempre più ambiziosi, giungendo ad unire tecnologie di ibridazione uomo-macchina con tecnologie telematiche e robotiche. Nel 2002 Kevin Warwick, dagli Stati Uniti ha telematicamente comandato, mediante impulsi cerebrali raccolti da un microchip installato sul suo avambraccio, un braccio robotico presente nel suo laboratorio inglese (si veda anche il resoconto di Alessandra Retico, per la Repubblica, in questo post dell’11.11.2002).

Ulteriori esperimenti sono legati alla percezione dei segnali in entrata ed alla loro decodificazione da parte del cervello umano, dopo essere passati per il microchip installato chirurgicamente sottopelle. Un test è stato effettuato tra Kevin Warwick e sua moglie, che hanno tentato un primo esperimento di comunicazione da cervello a cervello con la sola intermediazione dei chip rispettivamente impiantati nel loro corpo, con l’obiettivo di emulare una sorta di conversazione telepatica.

Le possibilità che si aprono sono tante. C’è chi (e tra questi anche Warwick) ipotizza l’avvento dei cyborg come naturale evoluzione della specie umana, che sarà dominata da chi accetterà di ibridarsi con le macchine.

Sicuramente la società è destinata a cambiare radicalmente ed a subire una metamorfosi profonda, strutturale, senza precedenti. Queste tecnologie, oltre alla creazione di una super-specie umana, sono attese anche come benefiche per chi si trova ad affrontare il dramma esistenziale di disfunzioni fortemente invalidanti. Occorre però capire fino a che punto è possibile utilizzare ciò che il progresso tecnologico consente.

È bene che se ne parli, per evitare di trovarci, come spesso avviene, di fronte ad una tecnologia che potremmo essere costretti a subire senza esserci organizzati per scegliere le modalità del suo utilizzo.

Vi segnalo, sull’argomento, l’interessante intervista (MP3) effettuata da Margherita Fronte a Kevin Warwick in occasione del Fiera Internazionale dell’Editoria Scientifica di Trieste ad aprile del 2008, nonché l’intervento integrale di Warwick, documentato dalla WebTV della Regione Autonoma Friuli-Venezia-Giulia.

Vi prego di notare, sia nell’intervista in MP3, sia nell’inotrduzione all’intervento di Warwick sulla WebTV, la centralità del tema relativo alla gestione dei mutamenti prodotti dal progresso tecnologico sull’information society.

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books