Paper

Il software libero nel settore pubblico. Disponibili in PDF le relazioni del Convegno internazione EOLE2010 (European Opensource and Free Software Law Event)

Segnalo che sono disponibili on-line le numerose relazioni del convegno internazionale EOLE (European Opensource and Free Software Law Event), quest’anno ospitato in Italia e dedicato al tema del Software Libero e Open Source nel Settore Pubblico, nell’ambito del quale sono intervenuto sul tema “Riuso di software e scelta delle licenza. Case studies“.

Tale relazione si proponenva di discutere una serie di casi (tra cui Nemesys, Piattaforma Experience, NotreDAM, CreaTiVù, il disciplinare di Gara di SardegnaIT) presentati nel corso del tempo su EUPL.IT (sito italiano interamente dedicato alla EUPL – European Union Public Licence), da me attivato a prosecuzione dell’attività di ricerca svolta nell’ambito di un PRIN (Progetto di Ricerca di Rilevante Interesse Nazionale) dedicato all’open source e alla prorpietà intellettuale.

Sull’argomento si veda anche questo e-book e questo articolo.

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

Articolo su "EUPL e riuso di software da parte della P.A. Strategie di diritto contrattuale"

Sul sito EUPL.IT, interamente dedicato alla European Union Public Licence (EUPL), ho messo a disposizione in PDF l’articolo dal titolo “EUPL e riuso di software da parte della pubblica amministrazione. Strategie di diritto contrattuale“, pubblicato sulla Rivista “Ciberspazio e diritto“, 2010, n. 1, pp. 53-73.

L’articolo riproduce la relazione che ho tenuto alla Conferenza Nazionale ECL 2009.

Ringrazio il Prof. Giovanni Ziccardi e l’Editore di “Ciberspazione e diritto” per avermi concesso di mettere a disposizione on-line, per il download, la versione con impaginazione e grafica identica a quella pubblicata sulla rivista cartacea.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

Indagini informatiche e acquisizione della prova nel processo penale

E’ di recente pubblicazione l’articolo seguente:

F. Bravo, Indagini informatiche e acquisizione della prova nel processo penale, in Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza, 2009/3-2010/1 (numero doppio), pp. 231-245.

Il singolo articolo, così come l’intero numero della Rivista, sono liberamente scaricabili (in formato PDF) ai link sopra riportati.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

e-Book n. 4 su EUPL, Open Source e P.A.

Ecco l’ultima fatica digitalizzata in e-Book, dal titolo “Software Open Source e Pubblica Amministrazione (L’esperienza europea e quella italiana tra diritto d’autore, appalti pubblici e diritto dei contratto. La EUPL)”.

L’opera riproduce, con l’aggiunta di alcuni aggiornamenti, il mio contributo reso nell’ambito del Progeto di Ricerca di Rilevante Interesse Nazionale (PRIN 2005-2007) svolto presso l’Università di Bologna, Coordinato a livello nazionale dall’Università di Pavia (Coordinatore Nazionale Prof. Luigi Carlo Ubertazzi). Tale PRIN è stato condotto sul tema più generale “Open Source e Proprietà Intellettuale”. Io ho curato la parte di settore relativa allo studio delle questioni giuridiche coincernenti l’Open Source e la P.A.

L’argomento è attuale, soprattutto con riferimento all’EUPL (European Union Public Licence), valido strumento non solo per l’acquisizione di software da parte della P.A., ma anche per consentire alle pubbliche amministrazioni di “licenziare” nel miglior modo possibile il software di cui hanno acquistato i diritti.

Il testo dell’EUPL, nella sua ultima versione 1.1, è allegato in appendice all’e-Book.

L’e-Book presenta anche una breve rassegna dei progetti di maggior interesse elaborati sulle piattaforme di ambiente cooperativo di sviluppo messe a disposizione della Comunità europea, al fine di favorire la realizzazione di software “Open Source” da parte della comunità di sviluppatori.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

e-Book n. 3 su Appalti Pubblici nel settore ICT e appalti pubblici elettronici

Dopo gli e-Book n. 1 e n. 2, ho messo a disposizione della comunità anche l’e-Book n. 3, dal titolo “Appalti pubblici per la fornitura di beni e servizi nel settore ICT e appalti pubblici elettronici (alla luce del d.lgs. 163/2006)”, prelevabile gratuitamente in questo post, nella pagina “e-Book” del presente blog e nella pagina “pubblicazioni” del sito www.fabiobravo.it

Si tratta del risultato della mia attività di ricerca svolta presso il CIRSFID dell’Università di Bologna nell’ambito del Progetto di Ricerca di rilevante Internesse Nazionale (PRIN 2003-2005) cofinanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica (MURST), dal titolo “Il cittadino elettronico e l’identità digitale nell’e-government”. 

Il progetto è stato coordinato a livello nazionale proprio dall’Università di Bologna. Il Coordinatore Nazionale dell’intero progetto di ricerca è stato il Prof. Enrico Pattaro, a cui reitero i miei ringraziamenti.

Il lavoro di ricerca è stato già pubblicato in versione cartacea, ma, essendomi riservato tutti i diritti al fine di divulgare quanto più possibile i risultati del progetto, Vi ripropongo i contenuti in forma di e-Book, in modo da renderli fruibili e veicolabili con maggiore facilità e diffusione per chiunque fosse interessato.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

E-Book n. 2 su DRM e distribuzione B2C

Ho messo a disposizione della comunità l’e-Book n. 2, prelevabile gratuitamente, oltre che in questo post, anche nella pagina “e-Book” del presente blog e nella pagina “pubblicazioni” del sito www.fabiobravo.it

L’e-Book n. 2 è intitolato  “DRM, contrattazione telematica e contrattazione cibernetica mediante agenti software nella distribuzione B2C” ed è il risultato della mia attività di ricerca svolta presso il CIRSFID dell’Università di Bologna nell’ambito di un Progetto di Ricerca di rilevante Internesse Nazionale (PRIN 2003-2005) finanziato dal Ministero dell’università e della ricerca.

Il lavoro di ricerca è stato già pubblicato in versione cartacea, ma, essendomi riservato tutti i diritti al fine di divulgare quanto più possibile i risultati del progetto, Vi ripropongo i contenuti in forma di e-Book, in modo da renderli fruibili e veicolabili con maggiore facilità e diffusione per chiunque fosse interessato.

Il progetto è stato coordinato a livello nazionale proprio dall’Università di Bologna.

Il Coordinatore Nazionale dell’intero progetto di ricerca è stato il Prof. Alberto Musso, che anche in questa occasione ringrazio.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

P.A. Digitale e dematerializzazione dei flussi documentali cartacei in entrata.

 

Segnalo la pubblicazione, in licenza creative commons, dell’e-book che inaugura la serie relative ad alcune delle ricerche in “Information and Communication Technology Law” (ICT Law), svolte da Fabio Bravo presso l’Università di Bologna.

 L’e-Book n. 1, scaricabile gratuitamente anche nella pagina “e-Book” di questo blog o nella pagina “pubblicazioni” del sito www.fabiobravo.it, riguarda il tema relativo alla digitalizzazione dei flussi cartacei in entrata da parte della Pubblica Amministrazione, ricorrendo direttamente al servizio postale.

Lo studio riguarda la fattibilità e le criticità di una reingegnerizzazione dei processi che porti ad utilizzare il “servizio postale” come servizio in grado di ricercere la corrispondenza cartacea destinata alla pubblica amministrazione, per poi digitalizzarla ed  inviarla direttamente alla pubblica amministrazione competente, per posta elettronica o con altri sistemi di work flow (incluso il sistema di uploading su determinate aree di memoria su server dedicati, consultabili ad esempio in ambiente web).

Lo studio, elaborato presso il CIRSFID, è stato presentato dall’Avv. Fabio Bravo nell’ambito del Convegno DAE (Diritto Amministrativo Elettronico) del 2005.

L’e-Book è aggiornato al 2006.  Farà seguito la pubblicazione di altri e-Book della medesima serie, relativi ad altre ricerche già svolte, anche qualora già pubblicate.

Per tali ricerche, infatti, mi sono riservato tutti i diritti di ripubblicare in qualsiasi forma il materiale, al fine di contribuire quanto più possibile alla fruizione da parte di chiunque fosse interessato.

L’intento è quello di diffondere i risultati delle ricerche svolte in ambito accademico, per renderle fruibili alla collettività, pur nella consapevolezza che trattasi di argomenti di settore. 

La pagina ed i post relativi agli e-Book, in questo blog, sono aperti ai liberi commenti.

Fabio Bravo

www.fabiobravo.it

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email

Privacy, SMS commerciali e risarcimento del danno

Come anticipato in un precedente post, metto a disposizione il paper in formato «pdf» contenente:

a) il testo integrale della Sent. n. 252/2006, del Tribunale di Latina, Sezione distaccata di Terracina, Giudice Dott. A. Perinelli, con cui un utente di telefonia mobile ha ottenuto in proprio favore la condanna del proprio gestore telefonico al pagamento di 9.000 euro complessivi per un totale di 9 SMS di carattere commerciale ricevuti nonostante il suo dissenso.

b) il mio commento, già pubblicato nella rivista Il Diritto dell’informazione e dell’informatica.

La sentenza è stata massimata come segue:

1) I messaggi «SMS» contenenti informazioni relative a servizi collegati con l’uso del telefono cellulare, ove si tratti di servizi la cui abilitazione è gratuita ma il cui utilizzo comporti il pagamento di un prezzo, costituiscono comunicazione a contenuto commerciale e/o pubblicitario.

2) Il fornitore del servizio di telefonia mobile può utilizzare a scopo commerciale il numero dell’utenza (prepagata o «ad abbonamento») solo se l’utente abbia manifestato previamente il proprio consenso (o non abbia formulato opposizione, revocando, con ciò, il consenso eventualmente prestato); tale principio non può essere eluso da parte del fornitore con la prospettazione degli SMS pubblicitari come asseriti «messaggi di servizio».

3) Le comunicazioni indesiderate di carattere commerciale inviate mediante SMS, ove difetti il consenso del destinatario o vi sia la sua opposizione, costituiscono interferenza nella sua sfera privata e violazione del diritto alla privacy (intesa come violazione del diritto di costruire liberamente e difendere la propria sfera privata, di scegliere il proprio stile di vita senza influenze ed intromissioni indesiderate da parte di terzi) specie se gestite attraverso sistemi automatici di chiamata che non implicano l’intervento di un operatore, poiché chi riceve la chiamata o il messaggio non ha alcuno strumento per prevenirli né alcun interlocutore diretto e presente a cui riferire il suo desiderio di rifiuto della comunicazione commerciale.

4) Sussiste il danno subìto dall’utente di un servizio di telefonia mobile che riceva, senza il suo consenso, SMS di natura commerciale o promozionale, essendo costretto a controllare in continuazione i messaggi pervenutigli e ad eliminare quelli indesiderati. Tale danno riguarda poi diritti della personalità di rango costituzionale ed è risarcibile in via equitativa.

La pubblicazione, che qui si offre in formato elettronico con licenza Creative Commons 2.5, versione italiana, “Attribuzione – Non Commerciale – Non Opere Derivate”, può essere citata nel seguente modo:

F. Bravo, Invio di SMS commerciali e risarcimento del danno da illecito trattamento di dati personali, in www.fabiobravo.it (pubblicato anche in Diritto dell’informazione e dell’informatica, 2007, n. 4/5, pp. 793 e ss.).

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • MySpace
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • Live
  • del.icio.us
  • RSS
  • email
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

My Projects

      EUPL.IT - Sito italiano interamente dedicato alla EUPL

E-Contract-U

Giornalismo Investigativo - Inchieste e Diritto dell'informazione

My Books

My e-Books